Educazione alimentare, l’esempio in famiglia

Educazione alimentare, l'esempio in famigliaEducazione alimentare, l’esempio va dato in famiglia.

La sana alimentazione è un qualcosa che si apprende da bambini a tavola e sono i genitori a dover dare l’esempio. Quante volte ci capita d’incontrare genitori che si lamentano che i loro figli non mangiano nulla o vogliono solo dolci o fanno i capricci? Può essere dovuto ad una scorretta educazione alimentare.

Non è una questione da sotto valutare poichè per il futuro si possono presentare poi dei disturbi alimentari più seri oltre a patologie come anemia, diabete ed obesità.

Educazione alimentare, i valori nutritivi

Per una dieta corretta a misura di bambino è fondamentale tenere sotto controllo le calorie secondo questi parametri: 20% a colazione, 30% a pranzo, 15% a merenda e 25% a cena. L’apporto calorico va sempre controllato per non incorrere nel problema dell’obesità infantile.

Bisogna inoltre non cercare di tener in conto i nostri gusti e non cercare di trasmetterli al bambino ma far sì che sia lui stesso a formare i suoi scegliendo ciò che gli piace e che non gli piace inoltre è fondamentale non usare ma il cibo come ricatto o come punizione e non usare i dolci come premio.

Rimane un pilastro fermo la prima colazione che è fondamentale tanto per gli adulti quanto per i bambini è importante che sia varia e che offra il giusto apporto di energia, quindi sì a latte, spremute, miele e marmellata, fette biscottate, cereali, yogurt.

Educazione alimentari, le regole

Un ruolo fondamentale è giocato dalla merenda che deve contribuire al fabbisogno energetico molto bene yogurt e frutta fresca o secca o magari il gelato in estate.

A pranzo e a cena è bene la varietà ma anche la completezza dei nutrienti quindi pasta e riso, carne e pesce, uova e formaggi più frutta e verdura.

Sono da evitare gli insaccati troppo ricchi di sale e conservanti e le merendine oltre agli alimenti troppo grassi o conditi.

Fondamentale è anche la regolarità dei pasti, l’armonia a tavola, possibilmente si parli e non si accenda la tv non si demonizzi un cibo per esaltarne un altro e si metta nel piatto del bambino una giusta quantità tenendo anche conto dello stimolo di fame che è più alto del nostro per via della fase dello sviluppo evitiamo comunque di far mangiare al bambino più di un cibo che di un altro.

Autore: MothersMilk

Mamma e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello statao di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione sono diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito ll’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia e in corso di studio per conseguire il diploma magistrale in Nutrizione e Dietetica. Scrittrice e Articolista, e co-autrice di 2 ebook in vendita su Amazon, “Il Trattamento energetico vibrazionale” e “La Sacerdotessa di Bastet – gli insegnamenti segreti”

Condividi questo Articolo!

Lascia un Commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *