Congiuntivite nei neonati: cause e soluzioni

Congiuntivite nei neonati: cause e soluzioni Congiuntivite nei neonati: può capitare, cosa fare?

Succede agli adulti e figuriamoci se non può capitare anche ai bambini molto piccoli. Basta davvero pochissimo perché succeda e non è sempre imputabile ad uno sbalzo di temperatura. Ci accorgiamo subito che si tratta di congiuntivite: occhio rosso, cisposo, il bambino piange, è irritato, la luce gli da fastidio etc.

Approfondiamo l’argomento.

Congiuntivite nei neonati: le cause

Una congiuntivite che si presenta nel neonato può avere diverse cause:

  • infezioni dovute ai batteri

  • irritazioni causate anche da colliri o gocce occulari

  • blocco dei canali lacrimali che può risolversi entro il primo anno di età

Ovviamente occorre portare il bambino dal pediatra perché ognuno dei tre casi va affrontato diversamente, possono esser necessari antibiotici o ad esempio se il bambino sta per compiere l’anno ed ha i canali lacrimali ostruiti potrebbe doversi sottoporre ad un intervento.

Ci sono anche poi cause molto più lievi come il vento o uno sbalzo di temperatura, esposizione ai pollini, la conseguenza di un’influenza comunque bisogna parlarne con il pediatra.

In ogni caso è un problema che generalmente si risolve in breve tempo.

Congiuntivite nei neonati: soluzioni

Cosa si può fare per alleviare il problema:

  • pulire gli occhi del neonato con acqua sterile

  • massaggiare con l’indice la zona fra l’angolo dell’occhio e la radice del naso pCongiuntivite nei neonati: cause e soluzionier aprire il canale lacrimale ostruito

  • in caso di occhio gonfio, rosso e lacrimazione proteggere gli occhi del bambino dalla luce del sole e non esporlo a luci dirette

  • se l’occhio è cisposo si può detergerlo con garza sterile imbevuta di camomilla appena tiepida

Si somministrano colliri antibiotici, o antistaminici, solo su suggerimento del pediatra.

Ricordarsi sempre di non toccare gli occhi del bambino con le mani sporche e di lavarsi le mani prima e dopo averlo curato, specie se si deve esaminare anche l’altro occhio. Cercare di evitare che il neonato si sfreghi gli occhi. Non usare fazzoletti, asciugamani o altri tessuti per detergere gli occhi, solo garza sterile.

Se il neonato si sfrega gli occhi ricordarsi di tenergli sempre le manine pulite.

Autore: MothersMilk

Mamma e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello statao di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione sono diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito ll’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia e in corso di studio per conseguire il diploma magistrale in Nutrizione e Dietetica. Scrittrice e Articolista, e co-autrice di 2 ebook in vendita su Amazon, “Il Trattamento energetico vibrazionale” e “La Sacerdotessa di Bastet – gli insegnamenti segreti”

Condividi questo Articolo!

Lascia un Commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *