Spina bifida neonatale: è operabile in utero

Spina bifida neonatale: è operabile in utero Spina bifida neonatale: la medicina fa passi da gigante, questa tanto temuta malformazione può essere operata in utero.

Spina bifida: cos’è, come si sviluppa

Si tratta di una malformazione congenita che da luogo ad una lesione a livello del midollo, in pratica la parte terminale del spina dorsale non è chiusa correttamente e il midollo viene a contatto con il liquido amniotico, più passa il tempo più gravi daranno le conseguenze ovvero: paralisi degli arti inferiori, idrocefalo, incontinenza intestinale e urinaria, riduzione della sensibilità. Non è che con la spina bifida non si possa convivere ma crea notevoli disagi, dopo la nascita si può intervenire ma non è più reversibile.

Questa malformazione si sviluppa durante il primo mese di gravidanza quando è difficile effettuare controlli. Può esser causata da diversi fattori: ereditarietà, obesità della madre, carenza di acido folico o cause ignote.

Come si può prevenire? Iniziando da prima del concepimento ad assumere acido folico nel dosaggio che vi prescrive la ginecologa.

Spina bifida neonatale: è operabile in utero

La novità è che si son fatti avanti e si stanno già svolgendo interventi alla spina bifida nell’utero.

Con un’operazione di poco invasiva si potrà intervenire sul feto per modificare la malformazione.

Ne ha parlato con l’ANSA Isabella Fabietti, del Centro di Chirurgia Fetale della Clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano, intervenuta al convegno “US-Italia. Patient Day 2017”, organizzato presso Spina bifida neonatale: è operabile in uterol’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia.

L’intervento avviene durante il secondo trimestre con dispositivi high tech che consentono di operare in utero in endoscopia per ridurre i danni della spina malformata.

In pratica s’incide la parete uterina, si preleva e conserva parte del liquido amniotico, si fa in modo che non vi sia emorragia ed il neurochirurgo può operare ovvero può ricondurre il midollo nella sua sede naturale, cioè nella colonna vertebrale per chiudere poi la cute sopra l’ernia.

Il rischio maggiore sono le contrazioni uterine per cui la gestante, successivamente all’operazione, deve seguire scrupolosamente la prescrizione medica.

Autore: MothersMilk

Mamma e Naturopata dedita alla ricerca del benessere e del mantenimento dello statao di salute grazie ai rimedi naturali e a una sana alimentazione sono diplomata in Perito Aziendale nel 2000. Nel 2008 conseguo anche il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. Ho conseguito ll’attestato in Fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Sto approfondendo la metodologia dello studio parentale e della scienza della formazione come assistente all’infanzia e in corso di studio per conseguire il diploma magistrale in Nutrizione e Dietetica. Scrittrice e Articolista, e co-autrice di 2 ebook in vendita su Amazon, “Il Trattamento energetico vibrazionale” e “La Sacerdotessa di Bastet – gli insegnamenti segreti”

Condividi questo Articolo!

Lascia un Commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *